Results will be online in a few days
Tina Prize - Change language defaultTina Prize - Change language deTina Prize - Change language esTina Prize - Change language itTina Prize - Change language ptTina Prize - Change language ru

His work is liked by:
ComuzziEva, Dolomiti Contemporanee,


Nella Valle dell'Anapo
Nella Valle dell'Anapo
Nella Valle dell'Anapo

Luca Macauda

Lives and works at Brescia

Born 24/01/1979

Curriculum

Luca Macauda (Modica, 1979) Vive e lavora a Brescia - Galleria di riferimento: http://www.aplusb.it/gallery/ - Formazione 1998-2002 Accademia di Belle Arti, Roma (IT). Mostre personali 2016 PERMUTAZIONI_one after another Daniele Bacci e Luca Macauda Galleria Artcore – Bari A cura di A. Zanchetta; 2015 ALLA TESTA DELL'ACQUA A+B Contemporary Art - Brescia Testo a cura di Gabriele Tosi; 2012 WE DO WHAT WE'RE TOLD A+B Contemporary Art - Brescia; 2010 UNLIKENESS A+B Contemporary Art -Brescia A cura di Dario Bonetta; Mostre collettive e fiere d'arte 2016 ARTE FIERA Bologna – NUOVE PROPOSTE A+B Contemporary Art; 2015 ARTES | SOME VELVET DRAWINGS a cura di Eva Comuzzi ArtVerona; ARTE FIERA Bologna – NUOVE PROPOSTE A+B Contemporary Art; 2014 030_2.0 Arte da Brescia Piccolo miglio in Castello – Brescia a cura di Dario Bonetta e Fabio Paris; ARTE FIERA Bologna – NUOVE PROPOSTE A+B Contemporary Art; 2013 EC0.2 Caravaggio Contemporanea Ex Monastero di San Giovanni – Caravaggio (BG); OLTRE IL PENSIERO. 14 RICERCHE ATTRAVERSO LA MATERIA Palazzo Guaineri delle Cossere – Brescia A cura di A+B Contemporary Art; PREMIO AOP ACADEMY (finalista) V° fiera Arte Accessibile Milano Spazio Eventiquattro, sede de Il Sole 24 ore – Milano; 2012 THE OTHERS FAIR Ex carceri Le Nuove - Torino A+B Contemporary Art – Brescia; IN DIALOGUE A+B Contemporary Art – Brescia; 2011 PROFEZIE PRESENTI -EXPO 2015 Fondo Nato Frascà c/o Biblioteca di Buscate a cura del Fondo Nato Frascà e del Comune di Buscate (MILANO); THE OTHERS FAIR Ex carceri Le Nuove - Torino A+B Contemporary Art; 2010 SWEET SHEETS (moves to Modica) A cura di Zelle Arte Contemporanea (PA) e Motelsalieri (RM) Palazzo della Cultura-Modica; 2008 RE-PUBLIC! Tese dell’Arsenale-Venezia; 2005 ASSAB ONE Hype Gallery-Milano; 2004 OLTRE. Indagini della dimensione metafisica nell' arte del XXI secolo A cura di Cesare Biasini Selvaggi Galleria Tondinelli e Galleria d'Arte Contemporanea di Palazzo Ducale-Roma/Pavullo (Modena);

Statement

Tutto il mio percorso artistico si è sviluppato intorno alla pittura e questo ha una motivazione profonda e intima che trova le sue radici nel territorio al quale sono emotivamente e visceralmente legato, la Sicilia sud orientale. Faccio pittura perché in essa è contenuta una memoria dello strumento pittura di cui il mio territorio è ricchissimo, dall'antichità alla contemporaneità, e perché essa mi permette di ritrovarmi continuamente all'interno di questo contesto culturale e antropologico attorno al quale si è formata un'intera comunità. Faccio pittura come appartenenza ad una memoria nella quale mi ritrovo, mi riconosco e la rendo collettiva. Le opere degli ultimi anni indagano una nuova forma di struttura e linguaggio attraverso il tatto ed il segno. L'utilizzo del pastello morbido come mezzo di realizzazione mi ha permesso di agire secondo una mia necessità: quella di avvicinarmi sempre di più al quadro fino ad entrarci dentro. Questo mi ha portato ad avere un contatto fisico e un rapporto più intimo e organico con il quadro e la sua superficie. Stendendo il pastello con le mani sporche della sua polvere ho abbandonato quel mezzo moderno ed extraorganico che è il pennello, che si interponeva tra la mente e la superficie attraverso la mano, e inteso come parte non integrale e organica dell'uomo perchè non facente parte della sua condizione originaria. La tattilità invece riconduce al segno arcaico. Segno che ritrovo nei lavori a pastello, la cui materia pittorica diventata pigmento mi permette di sviscerare quegli elementi contenuti nella memoria della mia terra d'origine e della sua pittura; è il caso della recente serie di dipinti ispirati alla Valle dell' Ànapo, sito naturalistico, di importanza non solo paesaggistica ma anche storica e archeologica che accoglie la più vasta Necropoli rupestre esistente in Europa. Accostandomi ad essa in chiave puramente suggestiva ne ho indagato l'aspetto archeologico, dalla pietra in cui sono state scavate le “tombe a grotticella” che riempiono i costoni rocciosi della valle ai segni dipinti e incisi sui manufatti in terracotta, e l'aspetto naturalistico che lo circonda. Tale linguaggio pittorico inoltre si concentra intorno a pochi elementi comuni del mio percorso artistico, che si sono susseguiti e rafforzati fino ad oggi perché originari e fondanti del mio lavoro. Questi elementi che ritrovo continuamente nelle mie opere fungono da “indice di senso” e sono: memoria, presenza e tensione.

Tina Prize - Roma Artists Tina Prize - Berlin Artists Tina Prize - Bercelona Artists